Scrollati di dosso la terra dell’attacco altrui e salici sopra con coraggio

La più alta e coraggiosa forma di rivoluzione è reagire alla paura che gli altri possano limitarci, impedirci di continuare il nostro cammino e la nostra missione: se ami e credi in te stesso non ci saranno ostacoli, attacchi, forme di odio che potranno fermarti. Abita il tuo cuore, è una dimora inattaccabile.

Tu vedi la schiuma, ma non l’oceano. Perciò invocalo con le azioni, non con le parole, perché le azioni sono reali e ti daranno la salvezza nella vita a venire.
– Rumi

Da sempre amo leggere le storie dei poeti Sufi.

Il sufismo la dimensione mistica dell’Islam e vengono chiamati Sufi coloro che praticano questa costante ricerca dell’Assoluto, nel desiderio di comprendere l’unione tra l’uomo e il divino. Nell’antichità, prima del Corano, la lingua araba non aveva alcuna tradizione di diffusione attraverso la scrittura e la poesia era una modalità di comunicazione, una possibilità di divulgare gli insegnamenti profondi dei mistici.

Le storie che sono state tramandate, poi raccolte e messe in forma scritta, hanno la capacità di trasmettere verità profonde in maniera semplice e comprensibile a tutti. 

Come, per esempio, la storia dell’asino che cadde nel pozzo.

La forza non arriva dalle vittorie. Le tue battaglie sviluppano le tue forze. Quando attraversi momenti sfidanti e decidi di non arrenderti, quella è la forza.
– Mahatma Gandhi

Un asino, un giorno,  cadde accidentalmente dentro ad un pozzo, per fortuna secco e non pieno d’acqua: per fortuna rimase incolume ma non riusciva ad uscire.

Continuò a ragliare per ore fino a che un contadino si accorse dell’animale imprigionato nel pozzo.  

Fece di tutto per aiutarlo a venirne fuori  ma, nonostante i ripetuti tentativi, sembrava non ci fosse alcuna possibilità

Per impedire all’asino di soffrire, fece quello che non avrebbe mai voluto fare: iniziò a gettare terra e sterco nel pozzo.

L’asino scoppiò a piangere e a ragliare disperato.

Dopo qualche ora e dopo innumerevoli palate di terra, il contadino si fermò: era dispiaciuto per la fine del povero asino, ormai non sentiva più il suo lamento. Si avvicinò al pozzo convinto che fosse stato seppellito dalla terra ma rimase stupito ed esterefatto da ciò che vide. 

L’asino era vivo.

Ad ogni palata che gli arrivava sulla groppa, l’animale si scrollava di dosso la terra, anzi, vi saliva sopra. L’accumulo costante di terriccio e sterco sotto le sue zampe aveva formato uno strato crescente di terreno su cui l’asino poteva man mano salire. 

Fu così che, palata dopo palata, l’asino riuscì ad arrivare al bordo del pozzo e con un balzo saltò fuori, finalmente salvo.

L’invincibilità sta nella difesa. La vulnerabilità sta nell’attacco. Se ti difendi sei più forte. Se attacchi sei più debole.

– Sun TZu

Che cosa possiamo apprendere da questa storia?

La vita è così: ci ritroviamo in situazioni difficili, in momenti in cui sarebbe facile lasciarsi dominare dalla paura. Non solo, spesso siamo oggetto di attacchi, di atteggiamenti e attacchi altrui che vorrebbero letteralmente seppellirci. 

Ci sarà sempre qualcuno che tirerà palate di terra di ogni tipo ma tu ricordati del segreto per uscire dal pozzo entro il quale qualcuno vorrebbe seppellirti: scrollati di dosso la terra che ti gettano addosso e salici sopra.

Ecco cinque suggerimenti che rappresentano la base di una vera forza interiore.

  • Libera il tuo cuore dall’odio: odiare ci rende debole, attaccare e denigrare sono energie negative che mettono radici dentro di noi, Non permettere che ciò avvenga.
  • Libera la tua mente dalle preoccupazioni: i pensieri per ciò che accadrà, i timori sono nuvole pesanti sulle nostre giornate, spazzale via con il vento della fiducia.
  • Dai di più e aspettati di meno: il vero bene non ha aspettativa, non cerca ricompense.
  • Ama di più: non porre limiti all’amore che puoi donare, mai.
  • Accetta la terra che ti tirano addosso perché può essere la soluzione invece che il problema.

Ricorda poi che la più alta e coraggiosa forma di rivoluzione è reagire alla paura che gli altri possano limitarci, impedirci di continuare il nostro cammino e la nostra missione: se ami e credi in te stesso non ci saranno ostacoli, attacchi, forme di odio che potranno fermarti. Abita il tuo cuore, è una dimora inattaccabile.

 

Continua la lettura con -> Le delusioni aprono gli occhi ma non devono chiudere il cuore

 

Le email sono lo strumento che prediligo per rimanere in contatto con le persone che mi seguono e con la mia Community. L’invio delle newsletter è strettamente riservato a chi ne fa richiesta, a chi desidera rimanere aggiornato.