Quando sei consapevole del tuo valore, sei libero

Libertà e autonomia sono reali quando si basano sul profondo rispetto per gli altri, per le libertà e le autonomie altrui. Non solo, ciò che le alimenta devono essere saldi e profondi valori umani.

Una delle lezioni più importanti della vita è quella di imparare l’indipendenza e comprendere la libertà, che significa emancipazione dall’attaccamento, dai risultati, dalle opinioni e dalle aspettative —Brian Weiss

All’interno di ogni società civile le persone stringono accordi e stabiliscono regole che guidino la società stessa. Si tratta di un atto fondamentale perché la comunità funzioni. Negli anni, nei secoli, si sedimentano convenzioni sociali a cui ci si riferisce nel proprio agire e spesso anche nelle proprie scelte. Persino il linguaggio, parlato e scritto, risponde alla consuetudine.

Questo è un segno di civiltà ma è anche un grande rischio quando ci si uniforma senza farsi domande, quando non si ricerca la vera voce e la vera forza che ognuno di noi ha dentro di sé, quando non si ha la reale percezione del proprio valore.

L’uomo, per essere tale, ha bisogno di conquistare l’autonomia.

L’etimologia di questa parola ne spiega bene il senso: deriva dal greco autòs (egli stesso) e nòmos (legge), libertà di vivere con e secondo le proprie leggi.

Libertà di decidere secondo un sentire individuale non significa violare i patti sociali o consuetudinari ma essere in grado di agire in modo indipendente, non solo, di prendere decisioni e di avere una grande e profonda fiducia in se stessi.

Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui offuschi la vostra voce interiore —Steve Jobs

Quante volte da ragazzi ci siamo sentiti ripete, a scuola e in famiglia “sii autonomo”. Tante. Eppure oggi, nelle aziende in modo particolare, emerge la necessità — nella valutazione e nella formazione del personale — di considerare anche le soft skill, competenze trasversali che riguardano le capacità di comportamento e di relazione delle persone.

Si ha bisogno di chi sappia prendere decisioni, non faccia perdere tempo, abbia la capacità di gestirsi in modo indipendente, impari le proprie mansioni e dia il massimo della competenza alla mission aziendale.

Anche in famiglia è importante.

Essere autonomi ci rende genitori in grado di scegliere davvero per il bene dei nostri figli, di essere per loro reale supporto quando è necessario ma soprattutto di rappresentare un vero esempio di vita. Per il nostro compagno o compagna, marito o moglie, diventiamo una presenza su cui contare, portiamo fiducia e sicurezza.

Non si nasce autonomi, il bambino non lo è, l’autonomia si acquista crescendo, apprendendo e sviluppando — e grazie a chi ce lo insegnerà — un profondo senso di libertà ed emancipazione.

L’amore è generalmente confuso con dipendenza. Quelli di noi che sono cresciuti nel vero amore sanno che si può amare solo in proporzione alla nostra capacità di indipendenza —Fred Roger

Libertà e autonomia sono reali quando si basano sul profondo rispetto per gli altri, per le libertà e le autonomie altrui. Non solo, ciò che le alimenta devono essere saldi e profondi valori umani. Non c’è vera indipendenza quando essa si nutre con lo sfruttamento degli altri oppure quando calpesta i diritti altrui. In questi casi siamo davvero ben lontani dall’essere persone indipendenti.

Ognuno deve essere consapevole del proprio valore, di avere un cervello pensante — e il cervello è organo individuale, ricordiamocelo — e un’anima capace di espandersi all’infinito nella sua forza d’amare: questo ci rende migliori, più forti. Amare noi stessi è la via maestra per rendere gli altri autonomi. Non solo. Il vero senso della crescita personale è la libertà e il coraggio di essere ciò che siamo.